Svincolo A20 Milazzo (Messina)
98057 Via Firenze
Tel.090 931824
Aperto tutti i giorni
da Lunedì a Domenica
dalle ore 9:00 alle 21:00
quad
15/09/2018

Vista annebbiata? Ecco le cause di un disturbo molto comune - Magazine Parco Corolla

Niente di grave ma meglio conoscerne i motivi, anche perché - in alcuni casi - può essere il sintomo di una patologia da curare.
Come spiegano da Salmoiraghi & Viganò
 
La vista annebbiata o offuscata è un sintomo molto comune, che provoca un disagio più o meno limitato, a seconda della sua durata e frequenza.
Le sue cause possono essere diverse, e in genere non preoccupanti, talvolta dipendono da un disturbo psicosomatico. A volte sono causate da un evento traumatico o da una patologia più seria, fisica o ottica, per cui è bene capirne di più.
«Un annebbiamento della vista può essere causato da uno stato d’ansia legato a stress emotivo e psichico o alla stanchezza accumulata nel tempo», spiegano da Salmoiraghi & Viganò, al Parco Corolla.
Tensione e stanchezza, a loro volta, possono causare attacchi di emicrania, nel corso dei quali non è raro percepire un appannamento della vista o sbalzi di pressione, tra le prime cause fisiche di questo sintomo.
 
«Lo stress – continuano gli esperti - può anche essere esclusivamente “visivo” e dipendere da un’eccessiva esposizione alla luce blu di un computer o di un tablet, di fronte al quale si trascorrono troppe ore senza le pause opportune, o magari prima di dormire, in un ambiente privo di altre fonti di luce rispetto a quella dello schermo».
 
La vista annebbiata può essere causata anche dal colpo di frusta cervicale, una rapida flessione ed espansione della colonna vertebrale nella zona del collo.
Questo tratto della colonna è il più vicino al cervello e al cervelletto – organo che ha un ruolo importante nel coordinamento del movimento, nell’equilibrio e nella postura degli esseri umani – ed è particolarmente sensibile a un colpo accidentale, da cui possono derivare vertigini e offuscamento della vista.
 
Chi soffre di squilibri pressori spesso può provare un senso di vertigine o di mancamento, con associata difficoltà a vedere in modo nitido, per esempio quando ci si alza rapidamente dalla posizione supina. In questo caso lo squilibrio e i suoi sintomi si risolvono in pochi secondi.
Lo sbalzo di pressione può anche essere dovuto a una congestione intestinale, abbastanza frequente in estate, quando per il grande calore si è portati a ingerire troppo rapidamente una bevanda molto fredda o a buttarsi in acqua dopo i pasti.
Lo shock termico può causare un blocco del processo digestivo accompagnato spesso anche da annebbiamento della vista.
Un altro fattore può essere legato alla glicemia, sia nel caso si abbassi (ipoglicemia), magari in seguito a un intenso allenamento in palestra; sia nel caso si alzi (iperglicemia) come può accadere ai diabetici: l’eccesso di zucchero provoca uno sbalzo di pressione che crea agli occhi un problema di messa a fuoco.
Tra le cause “ottiche” della vista offuscata le più comuni – sottolineano da Salmoiraghi & Viganò - sono i vizi di rifrazione come l’astigmatismo, la miopia, l’ipermetropia e la presbiopia.
Quando questi difetti cominciano a manifestarsi, si determina un affaticamento visivo che può produrre annebbiamenti improvvisi.
Indossando le lenti correttive appropriate e mantenendo sotto controllo l’evoluzione di tali difetti, si contrasta efficacemente il sintomo della vista annebbiata.
 

Patologie ottiche da tenere sotto controllo

Anche numerose patologie possono causare offuscamento della vista:
 
  • la cataratta, cioè l’opacizzazione del cristallino;
  • il glaucoma, caratterizzato da un aumento della pressione intraoculare e che comporta la degenerazione del nervo ottico;
  • il distacco della retina, una lacerazione che può portare alla cecità;
  • la retinite pigmentosa, che comporta la graduale perdita di fotorecettori della retina;
  • il nistagmo, nel quale il movimento a pendolo dell’occhio determina una visione offuscata e tremolante.
 
Il consiglio degli esperti di Salmoiraghi & Viganò del Parco Corolla? Se l’annebbiamento non è infrequente e si risolve entro pochi minuti, non c’è da preoccuparsi; se invece il sintomo persiste è bene approfondire rivolgendosi allo specialista.
 
 


  Pinterest 
SEGUICI SUI SOCIAL NETWORK
                              
MENU
Parco Commerciale Corolla - Via Firenze - 98057 Milazzo (Messina)
© Copyright Idea Service S.r.l. | P.IVA e C.F. 02951230834
Development by Semplinet
Design by TheSharkProject
Prova sinistra